lunedì 23 novembre 2020

Il premio della domenica pomeriggio

Un bel pomeriggio con una notizia sensazionale, al giorno d'oggi, in tempo di pandemia, inizia con una diretta su Facebook e finisce in famiglia. Magari, nel mezzo, ci possono entrare un paio di telefonate ma niente di più. Niente feste esagerate. Niente abbracci. Niente corse in pasticceria per tirar via una torta o dai parenti più prossimi per il racconto di un pomeriggio che agli occhi di un piccolo protagonista potrebbe essere indimenticabile. I sorrisi si consumano a casa, nascono da un schermo, finiscono in salotto.
Un bel pomeriggio con una notizia sensazionale resta comunque un bel pomeriggio, migliore di tanti altri, e ieri ne ho vissuto uno, grazie ad un'idea nata e allevata insieme alla mia piccola Irene nei giorni della segregazione primaverile, grazie a un concorso letterario che ha spalancato le porte alla fantasia familiare. 
Ieri il racconto "La maniglia magica", di Gianni e Irene Micheli, ha vinto 🏆 la XVIII edizione del concorso letterario "Lo Scrittoio" per la sezione "Racconti a 4 mani". Questa la motivazione: "La storia è ben articolata. Si sviluppa attraverso immagini fresche e simpatiche. È stato coniugato con estrema naturalezza lo stile classico delle fiabe e un approccio alla realtà odierna senza perdere di vista il momento storico che stiamo vivendo". 
So bene in quali modi avrei voluto festeggiare. Però ho festeggiato a casa. Ma per i sorrisi non ho badato a spese!

martedì 17 novembre 2020

Il presepio di plastica - di Gianni Micheli (anno 2005)

Delle tante cose fatte nella vita, di questa sono proprio orgoglioso. Ve la presento oggi ma sono passati ben 15 anni dalla sua realizzazione. Il tempo è quello giusto: il mese di novembre. L'obiettivo: realizzare un presepio o presepe utilizzando e combinando materiali di scarto e di riciclo.
Al progetto "Il presepio di plastica" presero parte non pochi bambini ed è una delle ragioni chi mi hanno spinto a pubblicare il video soltanto oggi, a 15 anni di distanza. Fu un progetto nato in collaborazione con la Circoscrizione Saione di Arezzo (quando ancora le circoscrizioni esistevano e avevano luoghi e obiettivi) grazie al suo presidente Renato Peloso a cui va un mio nuovo grazie di cuore perché non fu semplice mettere in piedi la cosa e fare accettare l'idea. Come fu grazie al Punto Shopping di Via Tortaia (anche in questo caso sono cambiate non poche cose) che fu possibile realizzarlo, utilizzando a piene mani e a piena creatività i rifiuti del supermercato (ce n'era una stanza piena ed io vi avevo accesso!).
Il tempo è quello giusto per costruire nuovi presepi di plastica. La plastica, ahimè, non manca come non manca il tempo per mettersi all'opera! Chi si cimenterà con il progetto è caldamente invitato a condividere disegni e foto!

Supereroi

 Il riposo dei supereroi. Anno 2020.

lunedì 16 novembre 2020

Officine Social Movie, la finale

Officine Social Movie, la finale del festival è in arrivo. Avevamo rimandato questi giorni in attesa di tempi migliori, dopo l'interruzione primaverile causa pandemia, ma l'autunno ci sta portando a vivere con grande preoccupazione e rimandare ancora non sarebbe giusto, né per i vincitori che attendono il loro momento di meraviglia, né per gli organizzatori già con la mente al domani.
C'è del buono in tutto ciò. Non avremo la bellezza di una sala cinematografica piena ma avremo la possibilità di entrare nelle case di tanti aretini e non solo, molti più di quanti sarebbero potuti venire al cinema, dalla porta principale, quella del salotto: il televisore. Non avremo abbracci e sorrisi ma ci confronteremo forse con maggiore empatia attraverso paesi e continenti afflitti da eguale malessere.

Vi aspetto tutti da lunedì 30 novembre a mercoledì 2 dicembre, alle ore 21:30, su Teletruria e www.teletruria.it. Già da venerdì 20 novembre sul sito www.officinesocialmovie.com, sarà tuttavia possibile guardare i tanti video selezionati per la finale e votare il proprio video preferito al fine dell'assegnazione del Premio Giuria Popolare.
Partecipate numerosi. Restiamo vicini.

domenica 15 novembre 2020

Le promesse

Sbadato
ho calpestato
le promesse legate
a questi giorni
erano briciole a terra
di foglie
speranzose
mute
cadute.

 

venerdì 13 novembre 2020

Colmi, Lazzi, Scherzi, Inezie: il docu-film

Oggi, venerdì 13 novembre, saranno 250 giorni dal DPCM dell’8 marzo, primo fermo dello spettacolo dal vivo (e speravamo che non sarebbe più accaduto). Nei giorni del lockdown grazie ad Officine della Cultura è nato un progetto che si è trasformato prima in uno spettacolo digitale quindi, in estate, in uno spettacolo itinerante. Il progetto e il lavoro è stato raccontato da Teletruria, a cura di Ilaria Vanni, in un docu-film che metteremo in visione proprio da oggi alle ore 12 sul canale YouTube OfficineProduzioni.
Siete tutti invitati alla visione di “Colmi, Lazzi, Scherzi, Inezie - Scherzo o scemenzuola musicale di Ettore Petrolini”.

 

martedì 10 novembre 2020

La maniglia magica su YouTube

Vi presento il video de "La maniglia magica", un mio racconto finalista della 18ma edizione del Concorso Letterario Lo Scrittoio 2020 - Sezione a tema "Racconti a 4 mani, andrà tutto bene".
Il racconto partecipa anche al Premio della Giuria Popolare per cui, se vi piace, siete invitati a mettere un "mi piace" nel video su YouTube.
Se vi piace potete anche provare a casa a stropicciare le vostre maniglie, meglio se in compagnia di un bambino - sono gli unici autentici stropicciatori di maniglie che io conosca -, guarda caso che qualche porta si apra davvero, di quelle che si stanno di nuovo chiudendo in questi giorni drammatici.

mercoledì 4 novembre 2020

La maniglia magica

Settimana di attesa e poi tutti al voto! Dal 9 al 20 novembre sarà possibile mettere un "mi piace" a un mio racconto, La maniglia magica - racconto scritto a 4 mani in tempo di lockdown con mia figlia Irene -, ai fini dell'assegnazione del Premio Giuria Popolare del Concorso letterario "Lo Scrittoio".
La maniglia magica partecipa al voto popolare in quanto finalista della sezione dei racconti a 4 mani (ulteriori info leggendo l'articolo su Ok!Mugello). 
Avrete novità di come procedere dal 9.

martedì 3 novembre 2020

Il teatro resisterà al Dpcm, gli attori forse no

Quando uno non dorme bene il fine settimana il risultato si vede di lunedì. V'invito a leggere una riflessione in merito a questi giorni difficili per tutti anche se il mio sguardo va agli amici e ai colleghi del mondo dello spettacolo: Il teatro resisterà al Dpcm, gli attori forse no.
Grazie a Qui News Arezzo per l'opportunità, per l'apertura al mio contributo e ad un confronto.

lunedì 2 novembre 2020

10 comandamenti al tempo del Covid-19

Mi sono girati in testa tutta la notte. Ora ve li presento: i 10 comandamenti al tempo del Covid-19. Da stampare e appendere al muro.

domenica 1 novembre 2020

Un po' d'oriente in casa

Avrei bisogno anch’io di un po’ d’oriente in casa, in questi giorni. Di questa grinta. Di questa determinazione. Dell’irresistibile sicurezza di un samurai.
📷 Dalla mostra “L’Oriente in casa” presso Casa Museo Ivan Bruschi fino al 6 giugno 2021.

lunedì 26 ottobre 2020

Sconcerto

Quello che vi presento è il mio attuale sconcerto visto con gli occhi e le tempere di mia figlia. Non che fosse stata sua intenzione. Il suo è stato un gioco, un'improvvisazione di mani e di colore. Ma io ci leggo questi giorni e questo lunedì, in particolare, che segna una nuova fine.

 

domenica 25 ottobre 2020

Saluti da Ottobrì

Saluti da Ottobrì, l’Ottobre dei libri alla Casa Museo Ivan Bruschi di Arezzo. L’edizione 2020 si è chiusa con uno streaming di grande interesse, tra storia, meraviglia, ciò che resta del passato e ciò che se ne va. Oltre alla scoperta di nuovi amici di fantasia e di avventure, quali Sofia, Testone il piccione e Iulius.
Grazie a tutti gli intervenuti, a chi ha assistito dalla Casa Museo e a chi da casa. Grazie a KM Edizioni, Erika Marchetti, Jacopo Laganà, Arianna Pisani, Vertigo Edizioni, Andrea D’Ortenzio. Grazie alla Casa Museo Ivan Bruschi e a Officine della Cultura e ancora alla Sezione FAI di Arezzo e a Il Maggio dei Libri. 

sabato 24 ottobre 2020

Gelem Gelem

Tu lo sai ma ti ricordi che il tuo essere clarinettista non è solo gioco e non è solo tecnica, non è solo lavoro e non è solo passione, ma è un racconto e una presa di posizione, un punto di vista con risvolti etici e sociali sull'umanità e sul mondo, un'immagine di futuro, una proiezione politica di ciò che intendi per cultura, intercultura, dialogo, incontro, confronto, comunità, musica, festa, quando ritrovi in un libro che stai leggendo a tua figlia una canzone che hai imparato a suonare, una storia che anche tu, oggi, sai cantare: "Gelem Gelem" (Sono andato, sono andato).
"Eppure i vecchi parlano di un Paese meraviglioso, dove il nostro popolo balla e suona musica, a cui non si può resistere" da Guia Risari e Paolo D'Altan, "Mi chiamo Nako", Edizioni Paoline (l’immagine è tratta dal volume).
Il nostro "Gelem Gelem" sarà presto in un disco dal nome festoso: "Romanò Simchà". Prendetene nota perché quando la festa inizia è "felice chi sa sorridere" (da un proverbio rom).
Insieme ai compagni di avventura Orchestra Multietnica di Arezzo, Officine della Cultura e Alexian Spinelli Group.

venerdì 23 ottobre 2020

Come puoi temere qualcosa che non hai mai incontrato?

Teatro Verdi, Monte San Savino. "Come puoi temere qualcosa che non hai mai incontrato? Come puoi farti spaventare da ciò che non conosci? Per averne paura, lo devi almeno conoscere" (Osho Rajneesh - dedicato al VR) - "Il presente a volte può essere un pessimo ambiente se arredato con i residui di un passato difficile da dimenticare" (Giorgio Faletti) - "Si può ricordare per crescere, per fare tesoro dell’esperienza passata e scegliere, di conseguenza, come organizzare il proprio futuro" (Marcella Danon) - Elio Germano, "Segnale di allarme - La mia battaglia VR". Ieri sera al Festival dello Spettatore. Foto Rete Teatrale Aretina.

giovedì 22 ottobre 2020

Le scale da salire

Teatro Pietro Aretino, Arezzo. Salgo di nuovo queste scale dopo molti mesi. L’ultima volta era il 27 febbraio. In scena “Bella bestia” con Luisa Bosi e Francesca Sarteanesi (Z Generation meets Theatre). Sapevamo che si stava ipotizzando una chiusura, arrivata in pochi giorni, ma... ma salgo di nuovo queste scale solo oggi, 23 ottobre, Festival dello Spettatore, per un evento che non ammette pubblico. Non è attivo il lockdown per lo spettacolo dal vivo, nella legge, ma è vivo nella psiche, nell’incertezza, nella paura, nella necessità di preservare la salute tua e di chi ti vive accanto, di poter continuare a mandare tuo figlio a scuola, prima di ogni altra cosa. Sono al lavoro, per oggi, ma respiro già chiusura. In me, negli altri. Non so neanche se vale la pena lamentarsi tanto è grande il coro degli incerti, dei funamboli sulla lama di un rasoio che si chiama disoccupazione, niente, fame. Però l’evento di oggi sarà visibile online. Ore 17, pagina fb Rete Teatrale Aretina. Perché di spettatori ce n’è un gran bisogno purché ci sia qualcosa da vedere e chi lo mette in piedi.

mercoledì 21 ottobre 2020

Non leccare questo libro

“E domani, dove porterai Min?”.
Con #ilibridiim oggi sono avvinto da Non leccare questo libro Idan Ben-Barak e Julian Frost, Fabbri Editori e da un quartetto di microbi 🦠 da far conoscere anche ai più piccoli, soprattutto adesso! 

martedì 20 ottobre 2020

Pulcinella 2020

Studio per un Pulcinella targato anno 2020.

Un pezzo di storia della musica

Qui si scrive e si suona un pezzo di storia della musica! Abbiamo fatto appena in tempo a registrare il disco, pur distanziati, pur mascherati, ma non sarà facile suonare in pubblico, non per adesso. Tuttavia segnatevi il progetto e i nomi di questo ensemble che mancava in Italia e in Europa: Orchestra Multietnica di Arezzo, Enrico Fink, Alexian Santino Spinelli, Alexian Group, Gennaro Spinelli, Massimiliano Dragoni, Gianni Micheli, Massimo Ferri, Luca Roccia Baldini, Marco Vignali, Fausto Della Torre, Paola Scoppa, Saverio Zacchei, Emad Shuman.

Come dire: da un lato c'è l'emozione e dall'altro la tristezza dei miei clarinetti chiusi in un armadio... che sarebbe anche gestibile se non piangessero proprio di notte!

Un articolo da leggere lo trovate qui: http://www.logoscultura.it/romano-simcha-il-progetto-artistico-di-festa-ebraica-rom-diventa-disco/

lunedì 19 ottobre 2020

"Testone il piccione" di Gianni Micheli - estratto dal capitolo MACCHINE tratto da Ottobrì

Ilaria Violin e Gianni Micheli leggono un estratto dal capitolo "Macchine" tratto dal romanzo di Gianni Micheli dal titolo "Testone il piccione" (Vertigo Edizioni). 
Evento registrato sabato 17 novembre 2020 presso la Casa Museo Ivan Bruschi di Arezzo in occasione della presentazione del romanzo nell'ambito della rassegna "Ottobrì - Ottobre dei libri a Casa Bruschi" a cura di Officine della Cultura e della Casa Museo Ivan Bruschi di Arezzo amministrata da Ubi Banca. La lettura è sottotitolata in italiano dato l'ascolto difficile a causa della lettura in mascherina dovuta alle misure di contenimento della diffusione del virus Covid-19. 
Se avete letto "Testone il piccione" sono in attesa dei vostri racconti su www.giannimicheli.it e www.giannimicheli.eu.

 

sabato 17 ottobre 2020

Scatti dalla presentazione di Testone il piccione

Primi scatti tratti dalla presentazione di “Testone il piccione” (Vertigo Edizioni) poche ore fa alla Casa Museo Ivan Bruschi di Arezzo. Grazie al pubblico meraviglioso di famiglie e bimbi pronti a mettersi in gioco. Grazie agli amici sempre presenti. Grazie a Ilaria Violin per la presenza e l’entusiasmo. Grazie a Paola Falsetti e Luca Lunghi della Casa Museo per la preziosissima collaborazione. Grazie alla sezione Fai di Arezzo. Grazie a Officine della Cultura. Leggere e cantare insieme è stato bellissimo, nonostante la mascherina! 😷  

In attesa di Testone il piccione

Dialogo concitato tra piccioni. Testone è arrivato alla Casa Museo Ivan Bruschi di Arezzo. I piccioni lo raggiungeranno presto. Vi aspetto con loro e con Officine della Cultura 🔜 oggi pomeriggio alle ore 17 per Ottobrì con la presentazione dal vivo e live streaming di “Testone il piccione” (Vertigo Edizioni). Ci sarà anche Ilaria Violin e con lei Legambiente Arezzo e ci saranno pure gli appassionati della sezione di Arezzo del FAI - Fondo per l’Ambiente Italiano in occasione delle “Giornate FAI d’autunno”. Che meraviglia!!! ✨✨✨ 

Arriverà Natale?

Ai tanti che si chiedono se quest’anno potremo festeggiare il Natale invio in risposta questo scatto rubato in una piccola isola del Pacifico… Babbo Natale è in vacanza… e siamo a metà ottobre… 🤔 Lascio ai lettori le conclusioni appropriate.

To people who wonder if we will be able to celebrate Christmas this year, I send in response this photo shot stolen from a small Pacific island ... Santa Claus is on vacation ... and we are in mid-October ... 🤔 I leave the appropriate conclusions to the readers.

mercoledì 14 ottobre 2020

Prove per Testone

Dunque... Testone? Ce l’ho! Ilaria? C’è! Piccioni? In abbondanza! La chitarra? Accordata. Casa Bruschi? Accogliente! Lo streaming? Attivo! Mascherine? Sul viso! FAI? Mi piace parecchio! Officine della Cultura? Sempre sul pezzo! Disinfettante? Spruzzato! Il 17? Presente!
💪 Non manca niente vi aspetto 🔜 sabato 17 alle ore 17 per il prossimo appuntamento di Ottobrì con la presentazione dal vivo e live streaming di “Testone il piccione” (Vertigo Edizioni).

domenica 11 ottobre 2020

Il primo pomeriggio di Ottobrì

Il primo pomeriggio di Ottobrì è passato ed è stato un incontro non da poco. Grazie a Erika Marchetti, Jacopo Laganà, Arianna Pisani. Grazie a KM Edizioni per aver portato ad Arezzo il coraggio di chi sceglie, di chi pone domande, di chi non rinuncia alla propria, trascinante, curiosità, di chi perde e poi ritrova il filo nel quale tutti noi inciampiamo. Grazie ai presenti e all'impegno con il quale hanno reso il pomeriggio di ieri diverso da qualsiasi altro, soprattutto ai più piccoli con le loro storie di fili mai perduti, spassose eppure assolutamente reali. Grazie alla Casa Museo Ivan Bruschi e a Officine della Cultura per aver creduto in questo progetto, in un momento in cui allestire una sala per un incontro tra esseri umani sembra la trama di quella che, alcuni anni fa, sarebbe stata la pellicola di un incontro ravvicinato con i marziani... catalogando poi il tutto in un film di pessimo livello. Eppure è la realtà. Ci riconosceremo tra alcuni anni in queste facce mascherate? Di certo riconosceremo i nostri eroi, i personaggi che amiamo, i sogni che non abbiamo abbandonato. Riconosceremo la perseveranza, il valore dell'incontro e gli occhi, quegli occhi che si cercano con un sorriso.
Il prossimo appuntamento di Ottobrì è per sabato prossimo, 17 ottobre. Non presenteremo più un filo perduto ma un amico trovato: Testone il piccione. Con me ci sarà Ilaria Violin. Vi aspetto (marziani permettendo)!

venerdì 9 ottobre 2020

Testone il piccione a Casa Bruschi

Pronti per ➡️ "Ottobrì, l'ottobre dei libri a Casa Bruschi”?
📅 sabato 17 ottobre presenteremo ➡️ “TESTONE IL PICCIONE” - Vertigo Edizioni - a cura di Ilaria Violin di Legambiente con la presenza dell’autore Gianni Micheli ⬅️
Ingresso GRATUITO ed io porterò i piccioni!
Dato il numero limitato di posti la prenotazione è vivamente consigliata: Tel. 0575354126 - info@fondazioneivanbruschi.it.

mercoledì 7 ottobre 2020

Una nuova pubblicazione: Pezzo di legno

😁 La volete sapere una sorpresa? È uscito "Pezzo di legno". Il mio nuovo eroe è piccolo e insolito. La forma è strana e a prima vista potrebbe non ricordare nulla. Invece questo pezzo di legno farà un lungo viaggio fino a diventare... un bambino vero? No! Un clarinetto!
"Pezzo di legno" è una favola dedicata ai piccoli lettori, alle famiglie, ai maestri di scuola e di musica, alla musica e all'infinita varietà degli strumenti musicali, all'amicizia e alla crescita e a chi non è riuscito a non far fischiare un clarinetto almeno una volta. Una favola con molte canzoni da leggere e da cantare: 🎼 le partiture sono allegate alla pubblicazione.

Trovate la pubblicazione in formato Kindle (i lettori di kindle unlimited possono leggerla gratuitamente) e cartaceo all'indirizzo: http://bit.ly/pezzodilegno.

Pezzo di legno è la versione narrativa dello spettacolo teatrale "L'Orchestra Fatata di Maestro Clarinetto" di e con Gianni Micheli, prodotto da Officine della Cultura.

Tramonto

Tramonto
di pieni e di vuoti,
di ombre, di salti,
di luci.
Di rettangoli gialli.
Di frammenti,
di spiragli,
di tagli. 

lunedì 5 ottobre 2020

Senza suono

Scatti senza suono (udibile) ma con ottimi strumenti. Autunno 2020.
Ringrazio per gli scatti Giulio Cirinei.

domenica 4 ottobre 2020

Riccardino

Ho iniziato a leggere Riccardino con la brama che si ha per il ritorno di un amico atteso e per quella storia che ha da raccontarti che, al telefono, non è riuscito a dirti perché, a suo dire, proprio non poteva e non voleva. Ho iniziato con il consueto piacere, masticando tra le labbra la lingua di Camilleri, trovandomi spiazzato - arraggiato - dal primo e dai successivi estenuanti interventi dell’Autore. Avrei interrotto la lettura, quasi, sopraffatto dal reale insinuatosi tra le righe, finché sono arrivato lì dove tutto ha fine, in quel precipizio della storia temuto e atteso. E lenta, tra le parole, è scivolata l’emozione del presente, della presenza, dell’esserci. Del compiersi di un atto inusuale e inusitato che, facendosi leggere, afferrava il suo posto nella storia della letteratura nello stesso tempo in cui si prendeva un luogo nella mia storia personale e nella mia memoria.
Non poteva essere che così, dunque, e ringrazio Andrea Camilleri per questo regalo. Non scriverò altro per non togliere ad altri il piacere della lettura (della presenza dell’Autore in Riccardino già hanno scritto in tanti). Conserverò qui solo alcune parole in ricordo del Montalbano che mi è stato accanto:

«Ritengo l’omicidio prima di tutto un delitto contro la ragione […]. Cercare la verità è andare a caccia della verità. Ed è spesso una partita di caccia così lunga, complessa, coinvolgente, sfibrante che talvolta il metaforico sudore di questa fatica appanna la vista e la preda, e la fa diventare un’ombra quasi indistinguibile» p. 217 da Andrea Camilleri, Riccardino, Sellerio.

venerdì 2 ottobre 2020

Testone il piccione ad Arezzo per Ottobrì

Grazie a La Nazione (Arezzo) per la segnalazione degli eventi di Ottobrì (per saperne di più leggete anche il post di ieri). Questa mattina è stato un piacere svegliarsi e leggere il giornale. I posti sono limitati: prenotate!

giovedì 1 ottobre 2020

Ottobrì ad Arezzo

🧐 Protagonisti coraggiosi, testardi, eroici. Protagonisti con una testa e con un cuore. Protagonisti che amano fare domande e cercare risposte. Piccoli o grandi che siano sono i protagonisti che mi piace farvi incontrare, in teatro ma non solo, insieme a Officine della Cultura e alla Casa Museo Ivan Bruschi di Arezzo. Tra questi anche quel Testone del mio amico piccione!
Vi presento oggi ➡️ "Ottobrì, l'ottobre dei libri a Casa Bruschi". Tre sabati di ottobre dedicati ai piccoli lettori e alle loro famiglie per incontrare personaggi letterari da cui prendere esempio; per leggere libri insieme a chi quei libri li ha immaginati, disegnati, scritti; per animare il filo delle nostre storie nel piacere del racconto ad alta voce! Sempre alle ore 17, sempre ad ingresso gratuito!

📅 sabato 10 ottobre ➡️ "SOFIA HA PERSO IL FILO" - Km Edizioni - a cura della direttrice editoriale Erika Marchetti con la presenza dell'autore Jacopo Laganà e dell'illustratrice Arianna Pisani ⬅️
📅 sabato 17 ottobre ➡️ "TESTONE IL PICCIONE" - Vertigo Edizioni - a cura di Ilaria Violin di Legambiente con la presenza dell'autore Gianni Micheli - in collaborazione con la Sezione di Arezzo del FAI - Fondo Ambiente Italiano in occasione delle "Giornate FAI d'autunno" ⬅️
📅 sabato 24 ottobre ➡️ "IULIUS E LA CORSA DELLE BIGHE VOLANTI" a cura dell'autore Andrea D'Ortenzio - in collaborazione con il festival "Meno Alti dei Pinguini" ⬅️

Dato il numero limitato di posti la prenotazione è obbligatoria: Tel. 0575 354126 - info@fondazioneivanbruschi.it. 

Tutti gli incontri saranno trasmessi in diretta live all'interno della nostra pagina facebook e del canale YouTube OfficineProduzioni nell'ambito dell'Edicola di Officine Foyer.
"Ottobrì" è un progetto ideato e realizzato da Fondazione Ivan Bruschi Casa Museo Ivan Bruschi e Officine della Cultura in collaborazione con la libreria La Casa Sull'Albero di Arezzo, la sezione Arezzo del FAI, il festival Meno Alti dei Pinguini, Progetto 5 ed è parte de Il Maggio Dei Libri. 

Tra teatro e vita

Monte San Savino. Teatro Verdi. Guardo questa strada, questo luogo, sorrido. Non posso farne a meno. È spazio di progetti, fatiche, idee, amicizie, lavoro. È teatro ma è anche casa, piazza, tenda, chiostro, pensatoio. Conosce i miei testi e i miei strumenti. Mi ha sentito borbottare, declamare, fischiare. Conosce i miei piedi e le mie mani. Credo, certamente, qualche capello. Perfino la mia schiena, a dirla tutta. È spazio pubblico e intimo. Separato e condiviso. Luogo di chiodi e di velluto. Come non puoi chiamarlo "vita" questa spazio così vicino a ciò che sei?

sabato 26 settembre 2020

Programma trimestrale d'autunno

L’Autunno ha presentato oggi al Sole il suo programma trimestrale. Conferenza stampa affollata. Ospite d’eccezione il Vento che ha lanciato brividi per tutti. La compagna Pioggia è restata in casa a preparare il rinfresco. Freddo, ridendo, ha ringraziato per il gentile omaggio: “Vi aspetto a dicembre ma vi farò qualche visita a sorpresa”.

martedì 22 settembre 2020

sabato 19 settembre 2020

Colmi, lazzi, scherzi e inezie su Teletruria

🎁 Sorpresa! Domani sera (domenica 20 settembre) in prima serata andrà in onda su 📺 Teletruria lo speciale sullo spettacolo 🎭 COLMI, LAZZI, SCHERZI, INEZIE!

Il video è il risultato della bellissima collaborazione con lo staff della rete televisiva aretina che ci ha seguito per tutta la tournèe nella Valdichiana.
Grazie di cuore a Luca Caneschi e tutto il meraviglioso gruppo di lavoro di Teletruria per questa esperienza!

venerdì 18 settembre 2020

Malinconia del dovere

La malinconia di questo monumento in stato di abbandono è l’esternazione del senso che diamo oggi a quanto si veste di “dovere”. Per gli interessati il monumento si trova a Marina di Grosseto.

Il custode

Leone alato di Vaia sii il nostro custode per l’inverno che ci attende!

mercoledì 16 settembre 2020

Profumo di tramonto

Quel che serve per fare il tuo “Profumo di Tramonto”. Lasciare in infusione solo il tempo necessario. Attenzione: l’esposizione scorretta alimenta la malinconia.

 

martedì 15 settembre 2020

Caro Testone, amico mio

Caro Testone, amico mio,
in quale anno difficile sei sbucato tra pagine e inchiostro! La tua sfortuna è la mia testa sbattuta sul muro - tu che di teste sbattute te ne intendi! - per non poter far altro che assistere, impotente, al tuo transito in punta di piedi su questa terra. Ti tengo per mano, ti liscio le piume, ma sento di non poterti portare lontano. Ti ingannerei se ti dicessi altrimenti ma esprimerò qui la più cruda delle realtà: mai ti accoglieranno presentazioni urgenti, tappeti rossi, rose sul palco. Sarebbe stato difficile in un anno qualunque. In questo 2020 di lutti sarà impossibile. Per me e per te. Per me ché non sono che un nome e un cognome. Per te ché sei solo un piccione. Per me e per te ché ci conosciamo bene e non chiediamo favori, nemmeno quelli che a molti potrebbero sembrare scontati. Su questo siamo più che fratelli.
Tuttavia sabato 12 settembre un palcoscenico l'hai calpestato. Il primo ed eri felice. Non hai confidenza con il mare ma quel rullare di onde costante e gentile ti ha dato un'inaspettata sicurezza. Ti hanno chiamato e la motivazione è stata chiara e ben pronunciata, così il tuo nome: "Questi Premi Speciali vanno a opere che sono veramente originali e devo dire che (ride)... Testone il piccione!".
In conclusione questo è quanto ho potuto fare: spargerti al vento. E dove sei andato a planare hai strappato sorrisi e meraviglia. Lo dico perché è il racconto non solo degli amici, ché forse potrebbero mentire, ma di chi non conosce altro di noi che il tuo straordinario Testone! Di più non riuscirò a fare e certo il tuo nome non sarà mai annoverato tra gli eroi dei manuali ma confido che quei sorrisi inaspettati strappati all'anno infausto che nessuno attendeva continueranno a scaldarci il cuore per anni a venire, molti più di quanti avremmo immaginato.
In ricordo al tuo Premio Speciale Sandomenichino chiuderò questa lettera con uno scatto che mi ritrae con quella maschera - i tempi sono ancora bui - che mi oscura le labbra ma che non cancella quella luce sul viso che mi hai regalato.

Volete acquistare Testone il piccione? Seguite il link: http://bit.ly/testoneilpiccione.

Premio Speciale Sandomenichino

12 settembre 2020. Tramonto sul Mediterraneo. Il sole ci guarda, ci ascolta, si bagna. Bagnanti distratti in costume e noi vestiti di applausi e parole. Marina di Massa, cerimonia conclusiva della 61ma edizione del Festival Letterario Internazionale Sandomenichino. Il Mare Tirreno da sfondo, respiro, colonna sonora.
🏆 Premio Speciale Sandomenichino a “Testone i piccione” di Gianni Micheli (Vertigo Edizioni). Lui, piccione di città, di mattoni e d’asfalto, ha sorriso nel raccontarsi al Mare. “Eppure è una piccola storia, sei sicuro di volerla sentire?”. “Non essere timido” gli ha risposto il Mare. “Conserverò la tua storia in una conchiglia così non dovrai temere le onde”.
Volete acquistare Testone il piccione? Seguite il link: http://bit.ly/testoneilpiccione.

lunedì 14 settembre 2020

Venezia era una laguna di luce

Venezia era una laguna di luce e noi c’eravamo dentro. Le camicie appiccicate alla pelle. Non si vedeva ma sorridevamo. Eravamo un oggi e un ieri.
Eravamo un ieri multiplo, somma di 100 teatri e millanta chilometri. Di andate. Di continui ritorni. Di platee gremite. Di tavole apparecchiate. Eravamo non di tanto più giovani, di tanto meno saggi.
Eravamo un oggi “dall’altra parte”: dall’altra parte della laguna, dall’altra parte della Mostra del Cinema, dall’altra parte del palcoscenico. Eravamo gli allievi accanto alla Maestra ma a fine serata ci ha chiamati “figli” e l’adozione era intima felicità.

Omaggio alla proiezione del film "Occident Express" venerdì 11 settembre 2020 in occasione della 77° edizione della Mostra del Cinema di Venezia, nell'ambito delle Giornate degli Autori.

venerdì 11 settembre 2020

mercoledì 9 settembre 2020

Pare si chiami amicizia

C’è il cammino della collina. C’è il cammino della montagna. C’è chi attraversa città. C’è chi attraversa continenti. Non importa quanto diversi siano i cammini, quanto lontani i percorsi. Avviene sempre di ritrovarsi a un incrocio e trasformare il viaggio in racconto. Pare si chiami amicizia.
Dedicato a Stefano Massini e all’Orchestra Multietnica di Arezzo. In ricordo di quell’incrocio del 23 luglio luglio a Monte San Savino - Festival delle Musiche - che si è fatto racconto (anche grazie agli scatti del Fotoclub Il Sansovino). 

 

martedì 8 settembre 2020

Invito a pranzo sul pianeta Ypsilik... dall'Argentina

Accade così, all'improvviso, di trovare in vendita un tuo libro usato alla modica cifra di 2 dollari e spiccioli. E questo non sarebbe strano, tutto sommato. Mi fa strano che il venditore sia a Recoleta, quartiere di lusso di Buenos Aires, al di là dell'Oceano Atlantico, in Argentina. Quale inimmaginabile viaggio avrà portato questo volume per me prezioso, di storie, sorrisi e ricordi, tanto lontano? Come farò a sopprimere tanta curiosità? Usato, poi... da chi?

Tanto che ci sono la versione originale del volume la trovate su Lulu ma con l'occasione di questo post ho scoperto che è possibile acquistarlo su innumerevoli piattaforme, in vari stati, con costi diversi pagabili con monete diverse (non che io ne abbia vista una o mezza...). Meraviglie di questo mondo iperconnesso.

Occident Express, il film

Il Corriere della Sera racconta Occident Express (il film), ed io torno a invitarvi a Venezia, venerdì 11 settembre, alle ore 21:30.

lunedì 7 settembre 2020

Il cuore in esilio eppure in pace

Ottavia Piccolo, l’Orchestra Multietnica di Arezzo, il tessuto umano e sonoro di Occident Express. Ieri sera, presso la Sinagoga di Firenze, raccontavamo d’esilio ma io ero a casa. 🏡 Il cuore in pace. 

sabato 5 settembre 2020

77 Mostra del Cinema di Venezia

In preparazione per la Mostra del Cinema di Venezia. Oggi l'articolo su La Nazione a firma di Silvia Bardi.

venerdì 4 settembre 2020

Nulla che non si sappia aprire

Non c’è nulla
che non si sappia aprire,
tagliare,
smembrare.
Anche il mattone
si smezza
come il pane.
Solo l’Io resiste
alla lama
eppure trema alla parola
“Ama!”.

mercoledì 2 settembre 2020

Estate a settembre

Ritrovarsi a settembre con la bussola rotta. Cercare il nord e constatare l'ago divertirsi ad inventare tragitti, proprio quell'ago che dovrebbe essere la parte realista della storia. Al buio.
Non resta che guardarsi indietro e constatare la fine di un'estate preziosa. Un'estate che ha cercato di resistere alla pandemia e, nella resistenza, è stata in grado di reinventarsi. Estate di idee e di progetti. Di musica, sorrisi e solidarietà. Estate breve. Troppo breve.
Di me non so più nulla. Come quell'ago invento tragitti ma mi sento al buio. E accendo la lampadina dell'estate. Speriamo regga per qualche giorno ancora. Come in questa foto: col sorriso.